A proposito di “cross fertilization”

sashimi Questa parola che dal mondo inglese ha assunto l’onore della ribalta globale e, da un valore strettamente specialistico confinato nella biologia (vedi al riguardo la definizione dell’Enciclopedia Britannica), ha travalicato il senso originale ed è diventata uno dei sinonimi più in voga per indicare una modalità specifica per perseguire l’innovazione e generare la creatività.
Vorrei iniziare con una breve riflessione sul significato puntuale di Cross Fertilization che nei miei seminari sul potenziamento della creatività, propongo come “tecnica” concreta e pratica, un modello imitabile e padroneggiabile, perseguibile da tutti coloro i quali vogliono cimentarsi con l’innovazione.
Traducendo letteralmente dall’inglese otteniamo fertilizzazione incrociata!!! …..che a ragione non ci dice nulla, non utilizzandola nella lingua parlata. Malgrado questo e secondo il costume dilagante di mantenere il termine nella sua lingua originale, il suo utilizzo ha preso piede in molti contesti, probabilmente grazie alla sua duttilità.
In sostanza la definizione più interessante, in inglese, che ho trovato potrebbe essere questa:
“The mutual exchange of ideas or concepts from different fields for mutual benefit.
Quindi dobbiamo pensare a due “entità” che scambiandosi “idee concetti” entrambe ne hanno beneficio.
Se proprio volessimo continuare sulla strada disperata degli inglesismi potremmo dire di stare tra il concetto di “fusion” e quello di “contamination”
Infatti nel concetto di fusion le due entità si fondono dando origine ad una terza realtà unione delle due, nel caso di contaminazioni, lo scambio permane ma modifica solo marginalmente le sorgenti di provenienza.
La sintesi è che tutti e tre questi termini hanno una valenza di innovazione , di creatività e di progresso e che tutti e tre mettono in risalto il fatto che ”questo” nuovo deriva dall’unione e dalla valorizzazione di più passati
Sia essa “Arte” con la A maiuscola, che arte “minore” spessissimo ci troviamo di fronte a fusioni incroci e contaminazioni nascoste o dichiarate.
Nel cinema dove vi invito a guardare il filmato reperito in rete e che troverete il coda all’articolo; nella cucina, altro esempio, dove fantasia e moda hanno determinato la nascita di nuove tendenze “globali” proprio chiamata “fusion” dove stili di alimentazione, modi di cottura materie prime opportunamente miscelate nuova e ulteriore “tipologie” di cucina, precedentemente non esistente, addirittura dando origine a un omonimo salone internazionale che si svolge periodicamente ormai da diversi anni in Spagna: Madrid Fusión un grande salone culinario ospitato appunto a Madrid: dedicato agli addetti ai lavori ma anche agli appassionati della buona forchetta, che sanno apprezzare le raffinate novità proposte dagli Chef provenienti da tutto il mondo che partecipano a questo evento di lusso..
Ma lo stesso accade ormai sempre di più anche in tante altre discipline dall’’economia alle scienze nobili fisica chimica matematica (io trovo interessantissimo che da sempre la matematica si interessi ai giochi!) per avere una punta di eccellenza nelle tecnologie applicate: l’ingegneria e la medicina.
Pensate al caso che ha voluto coniugare la diagnostica sanitaria con il restauro museale
il laser inventato in contesto ingegneristico e quindi applicato nei sistemi di produzione, in seguito felicemente applicato nell’ambito sanitario oggi trasferito con successo al restauro delle opere d’arte.
Ora per un momento pensiamo agli elementi della gestione di impresa come le Human Resouce o il marketing, anche in questo caso moltissimi sono gli esempi dove nuovi concetti vengono definiti frutto di CF (ne tratteremo separatamente).
Per concludere, va da se che per essere realmente aperti alle esperienze degli altri bisogna abbandonare la “sindrome della peculiarità”, che colpisce tutti e purtroppo a tutte le età,
Essa è legata al fenomeno della specializzazione e della “particolarità”, che ci porta in un vicolo cieco: più ci concentriamo su un dettaglio, più identifichiamo le differenze con l’esterno, più parliamo linguaggi incomprensibili agli altri, più finiamo col chiuderci nel nostro piccolo mondo.
Quindi CF è innanzitutto continua apertura, curiosità senso di scoperta.
avatar-film01_324

You may also like...